Villa San Giovanni(RC) via Torre Telegrafo
telegraphroadstudio@gmail.com

NEODEA

NEODEA

Ben ritrovati sulle pagine del Blog di Telegraph Road . Oggi vi parliamo di una band che abbiamo il piacere di trasmettere sulla nostra Radio: i NEODEA

Nati agli albori del terzo millennio, propongono un rock dalla forte matrice americana, contrastata dal cantato in italiano. Durante la loro attività hanno avuto la possibilità di portare la loro musica non solo nel nostro Paese ma anche negli Stati Uniti. Dopo il disco d’esordio “Teorema del delirio” (2009) e dopo la riedizione del singolo “Scorre Lento” – ripubblicato come atto di protesta contro la violenza sulle donne e dedicato a Mia Zapata – sono invitati a Seattle per un mini tour durante il quale, notati da Jonathan Plum, ricevono un contratto per la produzione di un brano (Diretta TV) per la London Tone Records, etichetta dei London Bridge Studios (Alice in Chains, Pearl Jam, Soundgarden, etc.). Successiva l’uscita di “Paralleli”, un Ep composto da inediti e riedizioni dei loro brani più rappresentativi. Rientrati in Italia, incontrano Pietro Foresti e decidono di intraprendere un nuovo percorso, fatto di ambientazioni più aggressive e di testi ancora più diretti e incisivi.

Dal 30 novembre 2018 è disponibile in digital download l’album “Libero Arbitrio”, prodotto in collaborazione con Pietro Foresti. Dieci tracce che raccolgono storie di persone qualsiasi, vittime o carnefici nella società che ci circonda, persone che si trovano ad affrontare un bivio. Il libero arbitrio, utopica convinzione di poter scegliere. Ma in fondo, la prima scelta è: vivere la vita o essere schiavi di essa?

“SOLITUDINI URBANE”, è stato primo singolo estratto dal disco. Il brano rappresenta la proiezione dell’immagine di sé stessi vista con occhi esterni che vagano per le strade di una grande città. Colori, odori, immagini si mescolano per creare l’ambiente ostile nel quale un uomo è costretto a vivere e a sopravvivere recitando ogni attimo della propria esistenza senza mai essere l’artefice del proprio destino. Tanti sguardi che si incrociano e si compatiscono perché simili.

 

«”Solitudini Urbane” è la rappresentazione del nostro mondo – sottolinea la band – nonché lo specchio dei nostri più reconditi tormenti. Il desiderio di poter essere sé stessi che si scontra con la realtà che ci obbliga a dover fingere per sopravvivere. Crediamo di essere liberi…ma liberi di essere cosa?».

Line Up: Luca "Lu" Colombo --> Voce Federico Valisi--> Chitarre Igor Mihajli--> Basso Francesco Romeo--> Batteria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook
INSTAGRAM